La Cassazione tollerante sugli errori materiali

LA DIFFORMITÀ TRA GLI ESTREMI DELLA SENTENZA IMPUGNATA E IL DOCUMENTO ALLEGATO NON COMPORTA CONSEGUENZE NEGATIVE IN CAPO AL RICORRENTE.

processo tributario

La Cassazione ha dato continuità ad un principio ormai consolidato, secondo cui in caso di discordanza tra la sentenza allegata e quella citata in atti non si ingenerano conseguenze sulla procedibilità dell’atto di appello depositato.

Con la sentenza, n. 2588/16, del 9.2 u.s., gli Ermellini hanno confermato che una tale difformità, trattandosi di mero errore materiale, non pregiudica la parte qualora venisse rinvenuto nel fascicolo di primo grado il provvedimento impugnato (cfr. Cass., nn. 5136/1998, 2300/2001 e 7746/2005).

Nell’accogliere il ricorso, i giudici di legittimità hanno puntualizzato i termini di inammissibilità di fronte a “irregolarità” simili, richiamando il principio secondo cui in sede di giudizio tributario, tale discordanza non è di per sé rilevante, in quanto rappresenta appunto un semplice errore materiale (cfr. Cass., nn. 16921/2007, 1935/2012).

La decisione fornisce dunque una lettura garantista della vicenda, imponendo, così, ai giudici un esame sostanziale e non solo formale del fascicolo di giudizio.

Clicca qui per leggere la sentenza

Emanuele Curti

Conseguite le Lauree in Diritto ed Economia (2006) e Magistrale in Giurisprudenza (2008), presso l'UNICAL, diviene specialista nelle professioni legali, nel 2010, previo superamento del relativo esame, presso la LUMSA.
Dopo aver collaborato, per quattro anni, con lo Studio Legale Internazionale Willkie Farr & Gallagher LLP, presso la sede di Roma, ha proseguito la propria crescita professionale, nello Studio Legale Piselli & Partners.
Si occupa prevalentemente di diritto tributario, esecuzioni immobiliari e diritto sportivo.
Dal 2011, è iscritto all’Ordine degli Avvocati di Roma.
Dal 2015, è componente del Comitato di redazione del Centro Studi di Diritto, Economia ed Etica dello Sport, ricoprendo il ruolo di Responsabile per la Federazione Italiana Tennis – F.I.T.
Collabora con la Cattedra di diritto tributario (Prof. Pietro Boria), nonché, quale docente, al Master in Diritto tributario, "Luigi Einaudi", della Sapienza.

Lascia un commento