LO STATUTO DELLE PARTITE IVA

Partite-IvaDa una nota di inizio anno del Corriere della Sera web sembrerebbe annotarsi una inusitata attenzione del Governo verso la disastrata situazione delle partite Iva.

Highlights del provvedimento, apparentemente calendarizzato ai lavori di Palazzo Chigi, il ritardo dei pagamenti, la deducibilità dei costi di formazione e ampliamento del welfare per malattia e maternità.

Il nostro occhio va immediatamente alla soluzione dell’insolubile, ovvero come garantire il pagamento (o il ritardo di pagamento da parte delle imprese): l’ipotesi sul tavolo è quella di polizze ad hoc contro il rischio di non essere pagati.

Sembrerebbe essere intenzione del governo anche un metodo di ribilanciamento del potere tra committente e prestatore, limitando la facoltà di recesso e obbligandolo a mettere per iscritto le condizioni di ingaggio.

Il progetto malcela la estrema fumosità dell’operazione. Sta alle nostre rappresentanze azzannare l’occasione.

Clicca qui per leggere l’articolo del Corriere della Sera

Marco De Fazi

L'Avvocato Marco De Fazi, classe 1961, si è laureato nel 1986 ed si è abilitato alla professione nel 1990: è cassazionista dal 2002 e lavora nello studio associato di famiglia. Ha ereditato dal padre, Avv. Walter De Fazi (mancato nel 2011 dopo 60 anni di professione), la passione per la responsabilità civile. Ha fatto parte di commissioni di studio consiliari ed associative, ed è stato per dieci anni il rappresentante italiano del network europeo PEOPIL (Pan-European Organization of Personal Injury Lawyers). Parla e scrive fluentemente inglese ed in misura più scolastica francese. Ha fatto parte della Commissione per l'esame di Avvocato 2007 ed è membro storico del Direttivo dell'Associazione Forense Emilio Conte, di cui ora è il presidente. Membro attivo della NIABA, associazione USA di avvocati italo-americani.

Lascia un commento