LA DONNA AVVOCATO E “TALUNI”AVVOCATI ROMANI A NAPOLI

movimento forenseSI RIPORTA IL TESTO DELLA COMUNICAZIONE DELL’AVV. MASSILIANO CESALI, COORDINATORE DEL GRUPPO MOVIMENTO FORENSE – AFEC IN SENO AI DELEGATI DEL CONSIGLIO DELL’ORDINE DI ROMA, CHE PRENDE LE DISTANZE DAL VERGOGNOSO COMUNICATO DISTRIBUITO ALLA CONFERENZA DELL’AVVOCATURA DA ESPONENTI DELLA MAGGIORANZA CONSILIARE.

 

Le Colleghe ed i Colleghi del Movimento Forense e dell’Associazione Forense Emilio Conte presenti alla Conferenza OUA dell’Avvocatura di Napoli – rappresentati dal sottoscritto presente ai lavori – SI DISSOCIANO e stigmatizzano il documento firmato illegittimamente ed impropriamente “i Delegati dell’Ordine di Roma” distribuito durante la Conferenza da alcuni Colleghi e Consiglieri dell’Ordine di Roma (che hanno quale riferimento politico il Presidente dell’Ordine Mauro Vaglio) in cui testualmente si afferma “L’avvocatura continua ad aumentare numericamente (…) diventa sempre più un’attività svolta da SOGGETTI FEMMINILI ORMAI EQUIPARATI AI COLLEGHI MASCHI (…).

Il documento contenente questa  grave ed incredibile affermazione, che ha suscitato l’ira e lo sdegno delle centinaia di Colleghe presenti alla Conferenza, sta facendo il giro d’Italia e sui social gettando discredito su tutta l’Avvocatura romana che ingiustamente viene associata agli estensori del citato documento.

QUESTO DOCUMENTO NON È STATO MAI CONDIVISO con i Colleghi coordinati dal sottoscritto che invece hanno sostenuto nelle commissioni tematiche le proprie istanze ed hanno presentato, un articolato documento – l’unico – di modifica dell’Organismo di rappresentanza politica dell’avvocatura.

Non c’è dubbio sulla paternità del documento (diretta streaming e centinaia di testimoni) e sul senso dell’affermazione firmata “i Delegati dell’Ordine di Roma”.

Si chiede che gli autori del documento chiedano SCUSA di queste affermazioni, sintomatiche di una considerazione della donna aberrante: lo devono alle Colleghe che – oltre alla appassionata professionalità che dimostrano ogni giorno – hanno la loro vita complicata da responsabilità familiari di altra consistenza rispetto a quelle dei Colleghi uomini.

Questa volta non sarà sufficiente il solito disegnino di “Agire ed Intortare”, occorrono le SCUSE, perché non c’è proprio niente da ridere!

Il coordinatore MF e AFEC alla Conferenza dell’avvocatura di Napoli.

(Massimiliano Cesali)

 

Lascia un commento