Tirocinio presso la Cassazione: pubblicato il bando per il 2019

È stato pubblicato nel sito della Corte Suprema di Cassazione il bando per 60 tirocini formativi presso le Sezioni civili e penali della Corte.

Ai sensi dell’art. 73 del d.l. n. 69/2013, convertito nella l. n. 98/2013 e successive modificazioni, è indetta la procedura per la selezione di 60 tirocinanti. 

Requisiti per poter partecipare alla selezione

La partecipazione al tirocinio è riservata ai laureati in giurisprudenza che, all’esito di un corso di laurea almeno quadriennale: 

  • siano in possesso dei requisiti di onorabilità di cui all’articolo 42 ter comma 2 lett. g) del r.d. 30 gennaio 1942 n. 12 (ovvero non abbiano riportato condanne per delitti non colposi o a pena detentiva per contravvenzioni e non siano sottoposti a misura di sicurezza o di prevenzione);
  • abbiano riportato una media di almeno 27/30 negli esami di diritto costituzionale, diritto privato, diritto processuale civile, diritto commerciale, diritto penale, diritto processuale penale, diritto del lavoro e diritto amministrativo, ovvero un punteggio di laurea non inferiore a 105/110;
  • non abbiano compiuto i trenta anni d’età.

Modalità di svolgimento del tirocinio

Il periodo di formazione presso la Corte di Cassazione avrà la durata complessiva di diciotto mesi, da ottobre 2019 ad aprile 2021. 

Ogni tirocinante sarà affidato ad un presidente o ad un consigliere della Corte e lo assisterà nelle attività del singolo affidatario e della sezione in cui lo stesso è inserito. 

In particolare, i tirocinanti assisteranno alle udienze, avranno accesso per lo studio ai fascicoli processuali e redigeranno gli elaborati richiesti dagli affidatari.

Diritti e obblighi dei tirocinanti

Coloro che saranno ammessi a partecipare al tirocinio dovranno assicurare la loro presenza lavorativa per almeno due giorni a settimana e non potranno svolgere contemporaneamente attività professionale né pratica forense presso le Sezioni della Corte di Cassazione.

I tirocinanti potranno iniziare o proseguire  il dottorato di ricerca, la pratica forense o da notaio, la frequenza di corsi nelle scuole di specializzazione per le professioni legali; il tutto, purché con modalità tali da garantire un proficuo periodo di formazione presso la Suprema Corte.

Nel bando viene precisato che il tirocinio non dà diritto ad alcun compenso e non determina il sorgere di alcun rapporto di lavoro subordinato o autonomo, né di obblighi previdenziali o assicurativi a carico dell’Amministrazione. 

Esito del procedimento formativo

L’esito positivo del tirocinio:

  • costituisce titolo per l’accesso al concorso per magistrato ordinario;
  • è valutato per un periodo pari ad una anno di pratica forense e notarile;
  • è valutato per un periodo pari ad un anno di frequenza delle scuole di specializzazione per professioni legali;
  • costituisce titolo di preferenza per la nomina a giudice onorario di tribunale e a vice procuratore onorario;
  • costituisce titolo di preferenza, a parità di merito, nei concorsi indetti dall’amministrazione della giustizia, dalla giustizia amministrativa e dall’Avvocatura dello Stato;
  • costituisce titolo di preferenza, a parità di titoli e di merito, nei concorsi indetti da altre amministrazioni dello Stato.

Termini e modalità di presentazione delle domande

La domanda di partecipazione al tirocinio dovrà essere presentata entro e non oltre il 9 settembre 2018, ore 14,00 presso l’Ufficio del Segretariato Generale sito all’interno del palazzo della Corte di Cassazione, in Piazza Cavour – Roma, unitamente alla documentazione comprovante il possesso dei requisiti richiesti per l’ammissione.

La domanda dovrà essere compilata utilizzando il modello allegato al bando e potrà essere presentata personalmente presso il Segretariato Generale della Corte di Cassazione dalle ore 10 alle ore 13 escluso sabato e festivi, ovvero inviata in copia scannerizzata e sottoscritta dall’interessato a mezzo mail all’indirizzo tirocini.cassazione@giustizia.it.

Una volta scaduto il termine per presentare domanda, verrà redatta una graduatoria provvisoria degli ammessi, che sarà pubblicata nel sito istituzionale della Corte di Cassazione (www.cortedicassazione.it) entro il 9 settembre 2018. In data 30 settembre 2018 verrà pubblicata la graduatoria definitiva degli ammessi al tirocinio. 

http://images.go.wolterskluwer.com/Web/WoltersKluwer/%7B896b76af-a975-4675-a1f6-ddcba7a045a8%7D_bando-selezione-60-tirocini-2019.pdf

Simona Rampiconi
Simona Rampiconi

Sono un avvocato che opera prevalentemente nella consulenza e patrocinio legale in materia penale, con studio in Roma ma operante su tutto il territorio nazionale. Sin dal conseguimento dalla laurea ho sviluppato una grande passione nel mondo del diritto, che nel tempo è diventata una vocazione professionale che mi ha portato a dedicarmi alla materia penale e processual-penalistica. La mia attività è rivolta particolarmente nel patrocinio nell’ambito dei reati societari, fallimentari e tributari, oltre ad occuparmi di reati contro la persona e contro il patrimonio, nonché la gestione dei reati attorno al gaming law. Ritengo che la mia formazione personale e professionale sia la risultanza degli insegnamenti dei Maestri con i quali ho avuto l’onore di interfacciarmi negli anni. Accanto alla professione forense, dedico il mio impegno anche all’attività associativa a favore dell’Avvocatura, con il dichiarato intento di ricercare soluzioni che possano favorire il miglioramento della nostra Categoria professionale